Castelfranco. Al centro Atlantis nasce con il contributo del Lions Club “Ninfe”, il percorso multisensoriale per le persone con disabilità

Argomento:
Provincia:

Il Gazzettino, 29 giugno 2022

CASTELFRANCO Un percorso multisensoriale unico in tutto il territorio dove le persone diversamente abili possono sperimentare la propria creatività. Inaugurato ieri sera al centro Atlantis, Ninfe, un progetto che ha preso vita grazie al finanziamento di 24mila euro del Lions Club, che ha l’obiettivo di dare alle persone che vivono in situazioni di disabilità complessa nell’Usl 2 nel distretto di Asolo, la possibilità di fare un’esperienza multisensoriale, di stimolazione e di creatività all’interno di un giardino, un laboratorio creativo multimediale e una sala Snoezelen dove elementi visivi e uditivi si uniscono tra di loro. «Un progetto che può portare benefici non prettamente legati all’ambito sanitario ma che riguardano la persona a tutto tondo -spiega la direttrice del centro, Raffaella Munaretto- Oltre alle persone con disabilità, può infatti essere utile anche per aiutare chi ha necessità di recuperare o sviluppare un buon rapporto con le proprie esperienze fisiche e sensoriali, come ad esempio i neonati o le persone che hanno affrontato cure oncologiche».
APERTO A TUTTI Il percorso non sarà infatti ad uso esclusivo delle persone che frequentano il centro Atlantis ma sarà aperto a tutti come servizio territoriale. Nella fase iniziale di start up, indicativamente per il primo anno, si ipotizza l’accesso di 8 persone al giorno per circa 2mila utenti l’anno. Un percorso unico nel suo genere. Manca infatti nella zona, un progetto che vada a coinvolgere tutti i sensi generando sensazioni di benessere e stimolazione della creatività. L’inaugurazione ieri in occasione della 3. edizione della cena di gala A tavola con il cuore c’è più gusto organizzata dal centro Atlantis con i ristoranti del radicchio. Presenti anche i Lions club di Castelfranco Veneto, Asolo, Vedelago, Montebelluna, Valdobbiadene, Nervesa della Battaglia e l’International Foundation. «È con enorme orgoglio ed emozione che insieme all’Atlantis inauguriamo questa importante struttura a servizio delle nostre comunità -spiega Domenico Battiloro, rappresentante del Club- Questo è il modo migliore per far conoscere la Lions Club international foundation creata oltre 50 anni fa per realizzare progetti importanti come questo. Essere Lions vuol dire essere al servizio dei nostri fratelli e aiutare le nostre comunità a svilupparsi attraverso principi solidaristici e di amicizia». Alla serata di ieri hanno preso parte oltre 300 persone.

Articoli di rassegna correlati