Badia Polesine. Il Pd in consiglio comunale sulla situazione della Casa del Sorriso: È stato certificato un debito di oltre un milione di euro

Argomento:
Provincia:

Rovigo.news, 20 settembre 2022

BADIA POLESINE (Rovigo)– Il revisore dei conti ha dato ancora una volta parere sfavorevole al bilancio presentato dal CdA, certificando un debito di oltre un milione di euro nel bilancio di esercizio 2021 della Casa del sorriso.
Lo denuncia il Partito democratico locale che aggiunge: “Non c’era bisogno di metterlo nero su bianco, la situazione è nota da tempo, e ne abbiamo denunciato spesso la gravità: la nostra Casa del sorriso si trova in una situazione economica – e non solo – davvero molto grave”.
I Dem sono convinti che questo documento possa dia la certezza assoluta di un fatto: il Consiglio di amministrazione della Casa del sorriso, guidato dal Presidente Tommaso Zerbinati, ha fallito su tutti i fronti.
Tra le osservazioni, oltre alle numerose problematiche legate alla gestione del personale più volte segnalate in questi cinque anni di mandato del CdA, è stata rilevata la totale assenza di quel piano industriale evocato da Zerbinati nell’autunno scorso e ribadito prima dell’approvazione bilancio di previsione. Ancora il 20 gennaio 2022 (Fonte Uneba)il presidente affermava: “ …stiamo andando avanti con il lavoro per il piano industriale, per programmare tutte le iniziative necessarie al ripristino dell’equilibrio economico dell’ente”.
Per archiviare questa pessima gestione e riprendere ad operare efficacemente occorre al più presto un nuovo Consiglio di Amministrazione. Per questo i Dem si ricolgono al Sindaco e alla maggioranza che lo sostiene, responsabili delle nomine, perché si trovi una rapida soluzione, con l’obiettivo di risanare l’ente quanto prima.
Inutile dire che la posizione del Partito Democratico rispetto alla forma giuridica dell’ente rimane una sola: “Siamo contrari alla privatizzazione della Casa di riposo, convinti che la struttura debba rimanere pubblica”.

Articoli di rassegna correlati