Badia Polesine. I consiglieri Pd sulla Casa del Sorriso: Situazione economica grave

Argomento:
Provincia:

Il Gazzettino, 20 settembre 2022

BADIA POLESINE Il Pd lancia un nuovo allarme per il futuro della Casa del sorriso. I dem locali, guidati dal segretario Stefano Dall’Aglio, parlano di un debito che ammonta a piu di un milione di euro. «Non c’era bisogno di metterlo nero su bianco, la situazione enota da tempo e ne abbiamo denunciato spesso la gravita – scrivono i dem – la nostra Casa del sorriso si trova in una situazione economica molto grave». Il circolo Matteotti boccia la gestione dell’ente di via San Nicolò: «Il Consiglio di amministrazione della Casa, guidato dal presidente Tommaso Zerbinati, ha fallito su tutti i fronti. Tra le osservazioni, oltre alle problematiche legate alla gestione del personale segnalate da noi e dai sindacati durante questi cinque anni di mandato del cda, l’assenza di un piano industriale, che dovrebbe programmare tutte le iniziative necessarie al ripristino dell’equilibrio economico dell’ente».
RISANAMENTO IMPROCASTINABILE Tali considerazioni arrivano in un momento di passaggio, dato che nelle scorse settimane è stato pubblicato l’avviso per le candidature legate al rinnovo del vertice della struttura. «Se già non si era capito – insistono dal circolo – è arrivato il momento di rimboccarsi davvero le maniche, e lavorare affinchela Casa del sorriso possa riprendersi ed operare a pieno regime. Archiviata la gestione degli ultimi cinque anni, rispetto alla nomina del nuovo cda siamo ci appelliamo al sindaco e alla maggioranza che lo sostiene, responsabili delle nomine, perchesi trovi una soluzione rapida, efficace e con l’obiettivo di risanare l’ente quanto prima». Quanto alle strategie da mettere in atto il Pd di Badia rimane contrari alla privatizzazione della casa di riposo, convinti che la struttura debba rimanere pubblica.

Articoli di rassegna correlati